2 dicembre 2017 premiazione terza edizione concorso “Caro Fabrizio ti racconto di un’attesa”

Condividi

Vi aspettiamo:
Sabato 02 dicembre  ore 16.30  al Teatro ARPINOVia Bussoleno, 50, Collegno (TO)  
Un pomeriggio  ricco di sorprese.

 “I MILLE VOLTI DELL’ATTESA ”  in parole, colori e… tanto altro

PAROLE: letture dei racconti vincitori e finalisti della terza edizione accompagnate da note musicali  a cura dell’ AGAMUS di Grugliasco
COLORI: racconti illustrati con i colori dell’attesa
PREMI: ai vincitori e finalisti della terza edizione premio letterario  “Caro Fabrizio, ti racconto di un’attesa”
EMOZIONI, DOLCE…ZZE, BRINDISI di auguri per i 32 anni di Fabrizio  E… TANTO ALTRO
conduce:  Maria Teresa Vivino 
Saluto: autorità presenti
Infine verrà presentata la  quarta  edizione del concorso 2018
Per scaricare la locandina  clicca qui

Per scaricare il pdf del comunicato stampa clicca qui

clicca sui link per visualizzare:  articolo immagini e video della premiazione 
Premiazione seconda edizione del 3/12/2016  Video 3/12/2016premiazione  –  album3/12/16pinterest  – album su Google 
Premiazione prima edizione 28/11/2015   –  VideoFrammenti 28/11/2015 
Presentazione prima edizione premio 29 11 2014      Video spettacolo COSA SUCCEDE IN CITTA’ primantenna su youtube 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Responses to 2 dicembre 2017 premiazione terza edizione concorso “Caro Fabrizio ti racconto di un’attesa”

  1. Sara Favotto ha detto:

    Ancora una volta GRAZIE a tutti voi, da Caterina, a Ezio, agli organizzatori per le emozioni, la passione e l’umanità che riuscite a trasmetterci. Sono davvero felice e onorata di conoscervi e di partecipare, seppur con un granello di sabbia, al vostro bellissimo progetto. Siete davvero delle persone SPECIALI, non è da tutti riuscire a far crescere da un grande dolore qualcosa di così poetico, coinvolgente e socialmente utile.

  2. Premio letterario Caro Fabrizio ti racconto di un’attesa. Non un semplice premio letterario, ma un viaggio nelle emozioni, di due genitori che non sanno dove sia il loro figlio, scomparso da più di 10 anni, ma che sanno trasmettere con i loro occhi e le loro emozioni una fiducia e una speranza grandissime.