19 marzo – San Giuseppe, festa del papà.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. maria cimino ha detto:

    HO PERDONATO ERRORI QUASI IMPERDONABILI,
    HO PROVATO A SOSTITUIRE PERSONE INSOSTITUIBILI E
    DIMENTICATO PERSONE INDIMENTICABILI.
    HO AGITO PER IMPULSO, SONO STATO DELUSO DALLE PERSONE
    CHE NON PENSAVO LO POTESSERO FARE, MA ANCH’IO HO DELUSO.
    HO TENUTO QUALCUNO TRA LE MIE BRACCIA PER PROTEGGERLO;
    MI SONO FATTO AMICI PER L’ETERNITA’.
    HO RISO QUANDO NON ERA NECESSARIO,
    HO AMATO E SONO STATO RIAMATO, MA SONO STATO ANCHE
    RESPINTO.
    SONO STATO AMATO E NON HO SAPUTO RICAMBIARE.
    HO GRIDATO E SALTATO PER TANTE GIOIE, TANTE.
    HO VISSUTO D’AMORE E FATTO PROMESSE DI ETERNITA’, MA MI
    SONO BRUCIATO IL CUORE TANTE VOLTE!
    HO PIANTO ASCOLTANDO LA MUSICA O GUARDANDO LE FOTO.
    HO TELEFONATO SOLTANTO PER ASCOLTARE UNA VOCE.
    IO SONO DI NUOVO INNAMORATO DI UN SORRISO.
    HO DI NUOVO CREDUTO DI MORIRE DI NOSTALGIA E …HO AVUTO
    PAURA DI PERDERE QUALCUNO MOLTO SPECIALE
    (CHE HO FINITO DI PERDERE)…MA SONO SOPRAVVISSUTO!
    E VIVO ANCORA! E LA VITA NO MI STANCA…
    E ANCHE TU NON DOVRAI STANCARTENE. VIVI!
    E’ VERAMENTE BUONO BATTERSI CON PERSUASIONE,
    ABBRACCIARE LA VITA E VIVERE CON PASSIONE,
    PERDERE CON CLASSE E VINCERE OSANDO,
    PERCHE’ IL MONDO APPARTIENE A CHI OSA!
    LA VITA E’ TROPPO BELLA PER ESSERE INSIGNIFICANTE!
    (CHARLIE CHAPLIN)

    A ME,E’MOLTO PIACIUTA….TI PENSO… SEI UNA PERSONA MERAVIGLIOSA E NONOSTANTE LA TUA SOFFERENZA, IL TUO VOLTO E’ COME UN GIRASOLE, SEMPRE RIVOLTO VERSO LA LUCE.
    OGNI TANTO GUARDO LE NOSTRE FOTO AL MARE, INSIEME AD EZIO E NANDO, ERAVAMO PIENI DI SOGNI,PICCOLI MA PREZIOSI.
    TI HO SEMPRE VOLUTO BENE, ANCHE SE AVEVO UN PO PAURA DI QUESTO AFFETTO E NON L’HO MAI MANIFESTATO IN MODO ELOQUENTE.SEI L’AMICA CHE ASPETTO PER UN ANNO INTERO, PER POI ACCONTENTARMI DI UN UNICO ABBRACCIO ,DI UN UNICO BACIO E DI UN UNICO SGUARDO CHE RACCOGLIE TUTTO IL MIO AMORE PER TE. TI BACIO MARIA

  2. laura ha detto:

    Quanto sono legata a questa foto, sapeste…. Perchè la vita che, si intreccia e si snoda, come un gigantesco gomitolo, ha fatto si che due mamme, con un identico dolore dentro il cuore, un giorno, si sono unite in un abbraccio che sorride alla loro disperazione.
    Come è bello pensare che il 19 marzo, festa del papà ed il 20 marzo, vigilia del compleanno di Davide, ci ritroveremo sul sentiero che i nostri figli hanno percorso in senso opposto, chissà per quale beffardo imprevisto. Ma che noi, le mamme “abbracciate”, insieme, troveremo la forza di scrivere e mettere, davanti agli occhi di Fabrizio e Davide, un mega cartello dove leggeranno “inversione di marcia”. Vi voglio una cifra di bene, mamma Caterina, papà Ezio. A presto.